Himalaya: guida e caratteristiche del tetto del mondo

catena montuosa himalaya tibet

Viaggio Himalaya, dove si trova, morfologia, ghiacciai, effetti climatici e spedizioni alpinistiche con ascesa alle sue vette.

Alberghi economici

Guida viaggio Himalaya

La catena montuosa Himalaya, chiamata anche tetto del mondo, è situata in Asia e forma una barriera tra il Plateau del Tibet a nord e le pianure alluvionali dell’India a sud. In lingua sanscrita, il termine Himalaya ha il significato di Dimora delle Nevi Eterne. L’Himalaya comprende montagne molto alte, tra cui il Monte Everest che, con i suoi 8.850 metri di altitudine, è la più alta del mondo. Il versante sud dell’Himalaya è caratterizzato da una ripidità nettamente maggiore rispetto a quella del versante nord. Le valli ospitano numerosi ghiacciai, tra cui i più famosi sono quelli di Zemu, Gangotri e Kanchenjunga.

I ghiacciai più bassi si trovano ad un altitudine compresa intorno ai 3000 metri mentre sopra i 5000 metri ci sono le nevi perenni. Quasi assenti sono i laghi, tra i pochi presenti vanno ricordati il Manasarowar e il Rakas. La catena montuosa Himalaya, per la sua altezza e ampia estensione, esercita notevoli effetti sul clima, con funzione di barriera per i venti freddi del nord e gli umidi monsoni che soffiano dall’oceano Indiano.

Nel versante sud dell’Himalaya, i fenomeni di precipitazione atmosferica sono molto elevati, mentre nel versante nord, al contrario, sono quasi assenti. La conseguenza della grande differenza di piovosità, si nota chiaramente osservando la vegetazione, praticamente assente sul versante del Tibet, abbastanza rigogliosa sul versante dell’India con foreste tropicali e boschi.

Visto da sud, l’Himalaya appare come una falce gigantesca, con l’asse principale che sovrasta la linea della neve. La maggior parte della catena montuosa si trova al di sotto della linea di neve. Le catene dell’Himalaya possono essere raggruppati in quattro cinghie parallele longitudinali con larghezza variabile, ciascuna con caratteristiche diverse per una differente storia geologica.

Sin dai tempi antichi, i grandi ghiacciai della catena dell’Himalaya Everest hanno sempre rivestito la più grande sfida per gli alpinisti di tutto il mondo che hanno organizzato periodiche spedizioni. I tratti più caratteristici della catena dell’Himalaya sono le altezze delle sue vette, che si presentano frastagliate e scoscese, con valli e ghiacciai alpini grandiosi, una topografia profondamente incisa dall’erosione, gole del fiume apparentemente insondabili, una flora e fauna diversificate e condizioni climatiche variegate.