Marocco: cosa vedere, itinerario 7 giorni, 18 attrazioni

Cosa vedere in Marocco, attrazioni e monumenti importanti, itinerario dei luoghi assolutamente da non perdere durante una vacanza nello stato nordafricano.



Hotel alberghi dove dormire
imlil gorges marocco
imlil gorges marocco

Guida turistica Marocco

Una storia artistica e popolare molto ricca creare un ambiente stimolante per chi affronta un viaggio in Marocco, le cui coste sono bagnate dal Mar Mediterraneo a nord e dall’Oceano Atlantico a ovest e sud rispetto allo Stretto di Gibilterra. E’ possibile fare passeggiate nel deserto, lungo le coste e nelle pianure, oppure visitare i mercati all’aperto dove ci sono artigiani che producono tappeti e bancarelle che vendono ceramiche, gioielli, ottone e legno.

Cosa vedere in Marocco

Asilah è una piccola città situata a 40km da Tangeri sulla punta nord occidentale della costa atlantica del Marocco. E’ stata sotto il dominio romano, spagnolo e portoghese. Bastioni, torri, imponenti bastioni, passeggiate al mare e ristoranti famosi per i loro piatti di pesce fritto attendono ogni turista. La città è circondata da mura difensive.

Casablanca è la maggiore città del Marocco. Le maggiori industrie e banche hanno la loro sede qui e questo rende Casablanca la capitale economica del Marocco e uno dei più importanti centri commerciali del Nord Africa. Situata vicino alla capitale Rabat, Casablanca è anche il porto marittimo principale sull’oceano Atlantico e la città dove risiete l’Università di Hassan fondata nel 1976.

Chefchaouen si dice che sia una delle città più piacevoli in tutto il Marocco. E’ una città santa dove si trovano circa 20 moschee e santuari che accolgono migliaia di persone in pellegrinaggio ogni anno. Fondata nel 1471, è particolarmente nota per le sue case basse con brillanti tetti di tegole e per la tessitura dei tappeti.

Erfoud è la città principale della valle del Ziz dove si trovano una piccola piazza con bancarelle di frutta e verdura e alcuni negozi di artigianato.

Essaouira è una città costiera con le spiagge bellissime. Da visitare il Sidi Mohamed Ben Abdallah Museo, situato nella ex residenza di un pascià, in cui è custodita una collezione etnografica e una storia della tradizione musicale locale. Ci sono documenti su canti berberi e strumenti a corda decorati con intarsi, che venivano usati dai musicisti per accompagnare le danze.

Fez è la più mistica delle città imperiali del Marocco, fondata nel 808 dC dal sovrano del Marocco Moulay Idris II santo e divenuta capitale e centro spirituale del Marocco. Fez è divisa in due aree distinte, la Fez el Jdid e Fez el Bali. Nella parte più antica della città si trovano importanti tesori architettonici.

Imlil Gorges è un incantevole villaggio di montagna e punto di partenza per escursioni attraverso parco nazionale di Toubkal.

Marrakesh ha dato il nome al Marocco, che deriva da questo nome medievale. Con la conquista degli Almoravidi, dinastia berbera proveniente dal Sahara, del sud della Spagna, Marrakech è stato coinvolto nella cultura cosmopolita andalusa. Sotto la dominazione degli Almoravidi, Marrakech divenne un baluardo della civiltà islamica e un centro intellettuale, dove convergevano gli studiosi e i filosofi più famosi del tempo, e furono costruiti edifici lussuosi e giardini splendidi. Le antiche mura fortificate e le porte della città sono monumenti medievali. Dal punto di vista commerciale, Marrakech è famosa per la lavorazione molto accurata della pelle e dei tappeti deserto.

Meknes è una città situata nel nord del Marocco, basata su economia agrigola e produzione di tappeti.

Merzouga Dunes è una località da dove vedere una splendida alba sul deserto.

Ouarzazate fu fondata dai francesi negli anni ’20 per opera dei francesi come centro militare ed amministrativo. Si trova nella valle del Dadès non lontano dal deserto del Sahara. Nei dintorni ci sono numerosi studi cinematografici, usati per girare anche famosi film ambientati nel deserto. In periferia, procedendo verso Tinerhir, si trova Casbah Taorirt, un importante complessso turistico.

Rabat è la capitale politica e amministrativa del Marocco, dove si trovano la residenza ufficiale del re insieme a tutti i ministeri e le ambasciate del paese. Vi si trovano anche molte attività produttive tra cui industrie tessili e alimentari e sono presenti l’Università Mohammed V e il Conservatorio Nazionale di Musica. Il Teatro Mohamed V e un museo archeologico si trovano nel centro della città.

Tangeri è un porto del Marocco settentrionale con una storia antica in quanto fu città fenicia, cartaginese, romana, araba, portoghese, spagnola e britannica.

Taroudannt è anche soprannominata la piccola Marrakesh, caratterizzata da giardini profumati e stradine tortuose. Place Assarag, con i suoi caffè e ristoranti, è il luogo di incontro preferito dai residenti e dai turisti.

Tétouan è una città arabo-berbera, situata sulle pendici del Gebel Dersa, centro commerciale con compravendita di grano, bestiame, agrumi e oggetti di artigianato. Vengono prodotti tabacco, sapone, fiammiferi, materiali da costruzione e dei tessuti. Le principali industrie sono dedicate alla stampa, all’ebanisteria e al pesce in scatola.

Tinerhir è situata a circa 14 chilometri dalla gola di Todra, costituendo per questo una buona base da cui partire per esplorarlo.

Zagora è il luogo dove nel quattordicesimo secolo, nell’oasi di Zagora, il Saadians conquistò prima il Souss e in seguito tutto il Marocco.