Mykonos vacanze: cosa vedere nell’isola delle Cicladi

Viaggi a Mykonos, cosa visitare nell’isola della Grecia tra spiagge e costa rocciosa, mulini a vento e siti archeologici.



Hotel alberghi dove dormire
mykonos arcipelago cicladi grecia
mykonos arcipelago cicladi grecia

Guida turistica Mykonos

Mykonos è l’isola più famosa dell’arcipelago delle Cicladi, isole della Grecia, meta di turismo internazionale. Al suo interno il paesaggio è roccioso e brullo.

Sulla costa le numerose spiagge, tra cui Ornos, Psarou, Platis Gialos, Aghia Anna, Kalafatis, Paradise ed Elia, sono intervallate da costa rocciosa, mentre i mulini presenti sull’isola testimoniano la forza del vento in queste zone.

L’odierna Mykonos è un’isola dalla mentalità cosmopolita, con un notevole flusso turistico annuale, dovuto soprattutto alle bellissime spiagge e al mare pulito, tra cui personaggi famosi provenienti da tutto il mondo.

Cosa vedere a Mykonos

La città di Mykonos, disposta ad anfiteatro sulla pendice di una collina, affacciata sul mare, con le sue case cubiche bianche con balaustre di legno tinte di blu, e le stradine strette intonacate a calce è diventata l’immagine caratteristica di queste isole.

L’isola è ricchissima di chiesette bianche con cupole rosse e cappelle votive costruite dai marinai al ritorno dai viaggi in mare.

Paraportiani è uno splendido complesso di cinque chiese costruite su due livelli, situate nel quartiere kastro, caratteristico borgo sul mare. All’interno dell’isola si trova il paesino di Ano Mera con il suo antico Convento Ortodosso.

Molti resti archeologici ritrovati su questa isola testimoniano che essa è stata abitata anticamente dalle popolazioni della Ionia, un’antica regione dell’Asia Minore.

Inoltre è stato recentemente scoperto che quest’isola è stata sede in epoca neolitica anche di alcune tribù Kares, che erano le popolazioni che abitavano la Caria, una regione corrispondente alla parte sud-occidentale della Turchia attuale.

In epoche meno lontane l’isola ha fatto parte dell’Impero Ottomano e successiamente dalla Repubblica di Venezia.