Mauritius: guida viaggio, clima e cosa vedere nelle isole

Guida viaggi alle Mauritius, cose da sapere e luoghi da visitare, clima, riserve naturali, spiagge, musiche e balli tipici.

Hotel alberghi dove dormire
cartina mauritius
cartina mauritius

Mauritius in breve

  • Capitale: Port Louis
  • Superficie in kmq: 1.860
  • Numero di abitanti: 1.261.643 (2006)
  • Religione: induismo

Guida turistica Mauritius

bandiera mauritiusLa Repubblica di Mauritius è costituita da un agglomerato di isole facente parte dell’ oceano indiano sud-occidentale, situate a circa 900 km a est del Madagascar e considerate parte del continente Africano. Le isole Mauritius fanno parte delle Isole Mascarene, che sono un arcipelago di origine vulcanica appartenente forse ad una catena sommersa comprendente anche le Seychelles e Réunion.

L’isola principale si caratterizza per l’essere formata da un altopiano in posizione centrale che verso nord degrada verso la costa dolcemente mentre verso sud la pendenza è molto più ripida. Essendo un’isola di origine vulcanica in vari punti si trovano vecchi crateri e laghi vulcanici, per il resto è dotata di una notevole bellezza naturalistica che molti definiscono paradisiaca. Stupende sono le barriere coralline che la circondano che nel corso degli anni hanno donato alle spiaggie la tipica sabbia bianca.

Il clima è tropicale caratterizzato da venti che provengono da sud-est con inverni caldi e secchi ed estati calde e umide. Nel periodo che va da novembre ad aprile sono frequenti i cicloni. La capitale delle Isole Mauritius è Port Louis mentre altre città sono Curepipe, Vacoas, Phoenix, Quatre Bornes, Rose-Hill e Beau-Bassin. Per quanto riguarda la vegetazione originaria si deve dire che essa sta scomparendo a causa delle monocolture e della introduzioni di specie animali e piante provenienti da altre zone geografiche.

L’istituto Mauritius Wildlife Appeal Fund (MWAF) sta per questo adoperandosi per delimitare alcune aree protette dove ripristinare l’ecosistema originale di Mauritius. Sulle spiagge di Mauritius vi sono pochissime palme mentre abbondano casuarina, alberi alti e sottili simili a pini, ed eucalipti. Altre piante spettacolari sono il banano gigante indiano e il flamboyant. Si coltiva l’anturio, un fiore decorativo importato dal Sudamerica. Fra i mammiferi che popolano l’isola si possono citare la mangusta e il cervo di Giava.

Nella zona del Rivière Noire si trovano anche maiali selvatici e macachi. Numerosissimi sono gli uccelli, di cui molte specie rischiano l’estinzione, tra cui sono da citare il gheppio di Mauritius, il piccione rosa, la coracina di Mauritius, il bulbul nero di Mauritius, il pigliamosche del paradiso delle Mascarene, l’occhialino di Mauritius, il fody rosso del Madagascar, la maina indiana, il tessitore gendarme e il bulbul dai mustacchi rossi.

Nelle acque intorno alle Mauritius tra la barriera corallina vivono il pesce pagliaccio, il pesce pulitore, il gamberetto delle attinie, le mante, gli squali, le murene e le tartarughe marine. Vi sono poi riserve naturali di cui la maggiore è il Black River Gorges National Park attorno all’area del Rivière Noire, di oltre 3600 ettari. Altre riserve naturali, di cui molte si trovano su isole o atolli intorno alle isole Mauritius sono Le Pouce, Île Ronde, Île aux Serpents, Île aux Aigrettes, Île Cocos, Île aux Sables e Bois Sec.

L’economia di Mauritius si incentra attualmente soprattutto sull’agricoltura basata sulla produzione della canna da zucchero ma i settori industriale, finanziario, turistico e tessile sono in continua crescita. Il genere musicale tipico dell’isola è la sega a cui corrisponde un tipo di ballo locale caratteristico. La sega è soprattutto ballata negli hotel per intrattenere i turisti. Nelle aree interne sono considerate tradizionali le canzoni bhojpuri.